Italiano English Francese

davidemanghi.com

Medico chirurgo, Specialista in Psichiatria.
Psicoterapeuta.
Iscritto all'Albo dei Periti e dei Consulenti del Tribunale di Lodi.

Dottor Davide Manghi

Il Dottor Davide Manghi riceve:
  • a Lodi, Via IV Novembre, 21
  • a Milano, Corso Vercelli, 5
  • I contatti telefonici sono +39 335 52.35.579
    Il Fax è +39 371 95.31.12
    L'indirizzo e-mail è info@davidemanghi.com

    Scarica l'App per il telefonino da    oppure da

    Attualmente sei su:

    Consulenza medico legale

    Il lavoro dello Psichiatra Forense significa non solo fornire una consulenza tecnica in materia medico-legale, ma anche accogliere la difficoltà esistenziale di una persona che affronta il conflitto e sperimenta il bisogno di ascolto e la richiesta di Giustizia.
    Si tratta quindi di una forma di attività medico-legale che non può prescindere dalla capacità di identificazione e di ascolto empatico, oltre che dall'esperienza e dalla competenza specifica.
    La Consulenza medico-legale effettuata dal Dottor Manghi riguarda sia l'effettuazione di pareri in tema di Psichiatria Forense (danno biologico di natura psichica; capacità o incapacità; danno da mobbing; danno da lutto, etc) sia in tema di Diritto di Famiglia (valutazione della competenza genitoriale, delle relazioni all'interno della famiglia, …).

    Psicoterapia e Consulenza Psichiatrica

    La Consultazione specialistica psichiatrica può essere richiesta per  diversi tipi di disagio psicologico: la depressione, i disturbi di tipo ansioso, le somatizzazioni, i disturbi del sonno, quelli dell'alimentazione, i disturbi di personalità, le psicosi.
    Queste condizioni possono essere affrontate attraverso una terapia farmacologica o con un trattamento psicoterapico, due forme di cura diverse ma non di per sé  alternative tra loro.
    L'intervento farmacologico si propone principalmente di operare sul sintomo, eliminandolo o riducendone l'entità nel tempo più rapido possibile.
    L'approccio psicoterapeutico a carattere psicoanalitico si occupa invece del soggetto nella sua intierezza di pensieri e sentimenti, sostenendolo nel corso di un cambiamento che è per sua necessità graduale.
    Il colloquio, che ha una cadenza in genere settimanale o bisettimanale, costituisce un percorso attraverso l'insieme di ricordi, sentimenti, esperienze, modi di essere, che costituisce l'identità personale di ciascuno.

    Formazione

    Il Dottor Manghi si occupa estesamente di attività di formazione, sia per operatori sociosanitari (con la proposta di corsi di apprendimento di tecniche riabilitative e psicoterapeutiche a sfondo soprattutto espressivo), sia su temi riguardanti il lavoro con le famiglie (valutazione ed intervento sulla capacità genitoriale; il lavoro del Consulente Tecnico in tema di Giustizia Minorile). Tali attività sono state svolte per conto di:

    • Amministrazione Provinciale di Milano
    • Amministrazione Provinciale di Lodi
    • ASL di Como
    • ASL di Legnano,
    • Cooperativa O.SA.LA. Di Roma
    • Cooperativa IL MOSAICO di Lodi,
    • Liceo Statale Virgilio di Milano
    • CFP Canossa di Lodi,fb
    • Istituto Einaudi di Lodi
    • LE CODE di Bruxelles

    I temi di alcuni recenti (2005-2008) gruppi di formazione sono stati:

    In ambito di Giustizia Minorile:

    • "La competenza genitoriale"
    • "Rispondere al Quesito del Giudice"
    • "L’interesse del minore nel pensiero psicologico e giuridico"

    In formazione di operatori:

    • "Dì qualcosa; La capacità espressiva dell'operatore"
    • "Il disagio mentale; aspetti teorici e pratici dell’intervento"
    • "La videocomunicazione"

    In ambito scolastico:

    • "Adolescenza e idea di sé"
    • "Le terre di mezzo dell’adolescenza – Espressività e senso di sè"
    • "Laboratorio Espressivo sulle dinamiche adolescenziali"

    Psicoterapia a mediazione espressiva

    l Dottor Manghi si occupa dello sviluppo di tecniche basate sulla capacità espressiva. Elemento comune a queste tecniche è l'incoraggiamento a produrre materiale espressivo (collage, foto, poesia, video, …), considerandolo sempre come qualcosa che reca in sé la traccia di chi lo ha fatto; in questa ricerca del tratto originale di chi lo ha prodotto, il materiale espressivo si qualifica come spunto importante e vivace verso la presentazione di sé.
    L'insieme dei materiali, elaborati con diverse tecniche, viene a costituire un autoritratto in più forme, accomunate dall'appartenere allo stesso autore.

    Un particolare interesse è rivolto alle tecniche video, un insieme di procedure che pongono il soggetto di fronte alla propria immagine ritratta dal video. La visione di se stessi evoca impressioni e stati d'animo imprevisti, e permette di cogliere aspetti di sé da un punto di vista “esterno”, vale a dire partendo dall'immagine di sé che tutti gli altri vedono.
    Il lavoro con il video comprende diversi passaggi: la videoconfrontazione (nella quale il soggetto è posto di fronte all'immagine video del proprio volto, e viene invitato a commentare quanto vede), lo psyvideoclip (brevi spezzoni in cui il soggetto esegue alcuni compiti entrando nell'inquadratura, con la sola condizione di non parlare); la videogenealogia (porre di fronte alla telecamera alcune fotografie significative della propria vita, e raccontarle), concludendo con alcune improvvisazioni o creazioni video.
    Su questo argomento è disponibile il volume “vedere se stessi. La psicoterapia mediata dal video”, edito da FrancoAngeliEditore nel 2006.

    Attività a sfondo espressivo sono operanti in contatto con organizzazioni come la Caritas Lodigiana, il Comune di Lodi, realtà scolastiche a Milano e Lodi, il Centro Socioeducativo La Bergognone di Lodi, con gruppi di adolescenti.